Oh tempora o mores. Lo psicologo che scrive del corpo sociale.

 

Quando lo psicologo, lo psicoterapeuta, lo psicoanalista arriva a scrivere per un libro, per un giornale, più modestamente per un blog, ma capita anche nei dorati recinti delle riviste accademiche, arriva immancabilmente il momento in cui gli viene da applicare certe metafore del suo arsenale professionale alla realtà – scelta questa che gli da modo di illuminare fenomeni collettivi in una dimensione per la maggior parte delle persone insolita e interessante. Possiamo fornire tanti esempi di questa prassi: il primo e più noto è il caso di Recalcati che parla di eclissi del padre, per una somma intera di generazioni, di lui e di altri che hanno largamente indugiato nel concetto di patologia narcisistica della contemporaneità, ma non molto tempo addietro anche Pietro Barbetta parlava di società psicotica, e io stessa qualche anno fa, e reiteratamente o ho parlato di uso generalizzato e collettivo di meccanismi di difesa borderline nella società contemporanea – in un vecchissimo post dell’altro blog.
Le dinamiche producono questo tipo di scelta possono essere molteplici: da una parte c’è proprio una genuina seduzione intellettuale e un genuino senso di insight – ma sottotraccia possono esserci altre cose, tipo per esempio un rinforzo narcisistico asimmetrico che elicita una rappresentazione di se di potere – io so quello che voi non sapete, io vedo attraverso i corpi di cui voi vedete solo la superficie.

Io ci vedo soprattutto due ordini di rischi.
Il primo ordine riguarda la lettura di un contesto culturale e sociale come monolitico, non polisemico – costituito a sua volta da diverse microculture e microorganismi sociali, forme aggregative ed economiche diverse, con sistemi valoriali separati e non di rado spesso antagonisti tra loro. Per fare un esempio, sto leggendo un libro sulla tossicodipendenza di Zoja, un libro veramente molto bello su cui tornerò nascere non basta, in cui anche lui diceva una cosa generalizzata sulla società attuale che ha eluso il bildungsroman dell’eroe, la polarizzazione strutturante del duello, per sposare il concetto di nemico su grandi sistemi macropolitici – teoria su cui voglio tornare perché è in grande sintonia con la mia sulle difese arcaiche applicate nel pensiero politico. Però pensavo, si può applicare questa cosa anche in contesti culturali dove per esempio l’andrangheta fa ancora da padrona? Le società di stampo mafioso, le sacche sociali dove lo stato è patito come lontano e secondario e ancora vige un sistema di giustizia carnale e arcaico? Senza andare troppo lontano, io non sono sicura che in alcune borgate romane dimenticate da Dio e dagli uomini non vi siano epigoni del concetto di duello.

Sull’eclissi del padre c’è poi da ragionare. Perché anche qui esistono microculture diverse parcellizzate e organizzate molto diversamente, che danno luogo a sistemi familiari e valoriali molto distanti. Io probabilmente vengo da una famiglia che in linea transgenerazionale provocherebbe il collasso di Recalcati – aveva un lavoro di responsabilità già la mia bisnonna, a casa mia il logos ce l’hanno anche le madri senza nessuna emorragia del senso morale né di materno – ma se ci si sposta dallo sguardo di una certa media borghesia mediamente istruita e rispondente a certi canoni si dovrebbero vedere altre cose altri sistemi, altre organizzazioni. Io vedo per dire anzi, come la crisi vada rimandando a casa molte mie amiche madri e mogli, perché il femminile è sempre più vulnerabile e meno tutelato, e vecchie organizzazioni valoriali col logos di li, e l’eros di qua, siano tentate di ritornare impercettibilmente – oppure certe situazioni intermedie di grande incertezza e nervosismo.

Il secondo rischio, è che facendo questa operazione applicata sulla contemporaneità, si assuma impercettibilmente e involontariamente una posizione reazionaria e passatista. Oggi il padre è eclissato! Quanto si stava bene quando troneggiava! Oggi è l’età della psicosi! Invece prima guarda. Si assume un tono reprimendo e lamentoso, che forse ha alleanze con l’anagrafe – tutti invecchiamo, anche noi clinici e per tutti, anche per noi clinici si aprono distanze emotive con la contemporaneità che a un certo punto non è più la nostra linfa, la nostra attualità emotiva, essendo che è quella dei nostri figli e dei nostri nipoti. Non siamo più identificati con i valori del presente come ci succede a tutti quando si è ragazzi, siamo allontanati e quindi saggi per un verso, ma vecchi per un altro. Tra le maglie della reprimenda sociopsicoanalitica non di rado traluce il rimpianto per il mondo che ci ha generato e che ha prodotto la nostra infanzia e quella dei nostri padri, mondo che ci era epistemologicamente noto, familiare, intimo. E ci dimentichiamo di ricordare che era davvero un mondo altrettanto pieno di orrori, dove almeno lo stesso numero di oggi, ma fcredo molte più persone – campavano di merda.Un mondo che ha inventato due guerre mondiali, un mondo di abusi stupri e matrimoni riparatori, di persone che non richiedevano cure perché non avevano il diritto di essere persone.
Si potrebbe anzi fare un corposo saggio sulla psicodiagnostica del mondo che abbiamo lasciato, sulle patologie psichiatriche che creava, su cosa voleva dire, per usare Zoja (che però gli riconosco di essere molto attento e consapevole) abitare l’era del duello, o per continuare: l’era in cui se fai dieci bambini due morono e pazienza, per continuare l’era che tu donna schiava a letto e chiava, per continuare l’epoca del padre che o prendi il mestiere mio e fai la vita che dico io o se no crepa, per continuare l’epoca ma si questa figlia la do suora che una suora ci sta, devo continuare proprio?

Infine noi psicoterapeuti quando scriviamo applichiamo più volentieri certi difetti degli analisti giovani, che sono bravissimi a diagnosticare deficit e mancanze ed errori di contesti e ambienti familiari, ma a intravedere risorse e fattori evolutivi molto di meno. La diagnosi dell’eziogensi di un problema è certamente cosa molto utile, ma credo che in terapia individuare le risorse e premiarle sia altrettanto necessario. Questa cosa, di analizzare le risorse dei contesti culturali della contemporaneità e premiarle, noi clinici non la facciamo mai. Io pure, in dieci anni e spicci di sproloqui in rete, non mi ci sono mai cimentata. Non viene in mente, siamo sempre arrabbiati e dispiaciuti per qualcosa, scriviamo clinicamente di realtà sociale sempre quando la realtà sociale mostra una ferita, e forse ci sentiamo stupidi a parlare di risorse davanti il corpo sociale che sanguina. Eppure i medici pure questo fanno, incoraggiando in un modo o nell’altro gli organismi a reagire. Forse ogni tanto, sporadicamente, dovremmo cominciare a diagnosticare e incoraggiare le risorse sociali.

 

 

 

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...