Sleep Safe and Warm

Buona notte all’uomo che non dorme con la testa sul palmo della mano, gli occhi aperti sui sogni che non si fanno sognare, i figli che ancora non ha ed è arrivato il tempo di avere. La compagna gli sfiora la curva della fronte e del naso, lui le sorride ma lei non può vederlo, la giornata è stata piena di inedia, di pareti, di divani troppo caldi. Forse domani farà in tempo.

Buona notte agli sposi persi nell’afrore di una lite, buona notte alle luci ancora accese che ne riorganizzano l’uggia sui volti, alle loro mani che mettono in ordine le cose in ordine. Buona notte alla voce dei due che per prima si infilerà nella riga gialla vicino allo stipite, alle serrande che verranno abbassate, alle pile di bollette di nuovo ordinate. (Buona notte ai loro bambini, che giacciono con le braccia spalancate e la bocca aperta. Buona notte anche agli orsi rovinati caduti ai piedi del letto, alle bambole senza una gamba).

Buona notte all’amante che non ci siamo potuti permettere, che splendente si guarda nello specchio della sera, un po’ rimirandosi un po’ prendendosi in giro. Buona notte alle mani che se ne allisciano il mento, a dire il vero rovinate dal fumo, buona notte ai suoi capelli lisci e spessi, agli occhiali lasciati sulla lavatrice accanto al lavandino .
(Buona notte all’umile onta che ebbe il suo senso estetico, quando arrivò questa lavatrice, e non ci fu altro posto che vicino al lavandino, a incrinare il suo fascino, con quell’aspetto materiale inderogabile e modesto.)
Buona notte al senso dell’umorismo che sempre deve avere un amore proibito

Buona notte infine, ai gatti e ai cani e bisognerà citare anche certi conigli nani, che fanno da guardiani alle passioni di questi vecchi, che leggono nel pensiero alle signore quando scrivono colla mente – falsi ragionamenti sul pudore. Buona notte alle code nervose che sbattono sulla credenza, ai baffi che si cambiano colla bella stagione. Buona notte alle ciotole nell’angolo della cucina, alle poltrone rovinate e perdonate. Buona notte alle bestie che ci proteggono e ci somigliano.

(qui)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...